Platano monumentale – Certosa di Vigodarzere

Appena fuori della città in un luogo carico di storia e ricco di vegetazione, suggestivamente racchiuso in un’ansa del Brenta, si erge un gigante centenario: un Platanus x acerifolia incluso dal Ministero nel Registro degli Alberi Monumentali d’Italia.

Circonferenza 625cm, altezza 32m.

Raggiungerlo è relativamente facile. Superato il ponte sul Brenta che conduce a Vigodarzere si risale il fiume seguendo una pista ciclabile sulla sommità dell’argine sinistro del fiume.

Dopo non più di mezz’ora di cammino si abbandona l’argine e si prende una carreggiata sulla destra. La Certosa si vede inconfondibile.

Apri per vedere la mappa

Vale la pena dare notizia di qualcuno dei tantissimi alberi che si possono ammirare lungo il tragitto.

Frutti di Diospyros lotus, una pianta della stessa famiglia del Caco, ma con i frutti, come del resto le foglie, molto più piccoli.
Il lotus è la pianta dal fogliame più scuro che sporge dal fitto della vegetazione. In fondo si intravede la sbarra che segna il passaggio dalla strada al sentiero.
Foglie profondamente lobate di Morus alba. Se non fossimo così fuori città, si potrebbe pensare ad una cultivar dal fogliame pregiato.
Che si tratti proprio di un gelso lo conferma la corteccia.
Un magnifico esemplare di Corylus colurna (Nocciolo di Costantinopoli)
Le foglie, in tutto uguali al cugino Corylus avellana (Nocciolo comune).
Le due specie differiscono sia per l’involucro dei frutti sia per il portamento.
Campanile e chiesa di San Martino.
Grosse e invitanti nespole, sul confine di un orto.
L’edificio, che versa in un triste stato di abbandono, non si può visitare.
Il complesso appare fortificato, ma forse è solo una scelta stilistica. La timida macchia gialla al centro rivela topinambur, tipici della stagione.
Continuando sulla stradina e aggirando la costruzione ci si immette in un notevole doppio filare di carpini (Carpinus betulus).
Alberi vetusti, ognuno dei quali meriterebbe una osservazione particolareggiata. In questo esemplare colpiscono le grosse canule tipiche della specie.
Il viale da altra angolazione.
Il retro della Certosa, evidenti le precarie condizioni del complesso.
Ma ecco il protagonista del post
Da diversa angolazione
Sullo sfondo la Certosa
Difficile esprimere i sentimenti che si provano al cospetto di un essere vivente così imponente e vecchio.

Completando il perimetro della Certosa altre bellissime piante ci aspettano.

Un notevole Acer negundo
Fronteggiato da un gruppo di broussonezie
Un’entrata laterale della certosa,…
… che dà su un chiostro.
Volgendosi verso l’argine, un gruppo di bagolari (qui tutte le gradazioni di colore prima della completa maturazione), e poi un doppio filare di tigli…
…così bello da mettere in soggezione.

2 pensieri su “Platano monumentale – Certosa di Vigodarzere

  1. Grazie Roberto. Sì questo albero è proprio un sogno, ma anche la passeggiata per raggiungerlo è molto bella. Vicino c’è una Farnia affascinante, penso di parlarne presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.