Sofora – Robinia – Gledizia

Le tre specie (Sophora japonica, Robinia pseudoacacia, Gleditsia triachantos) sono, se ci si limita a osservare la sola foglia, facilmente confondibili. Ma altri caratteri permettono di superare le perplessità.

Foglia composta. Le foglioline sono ellittiche ma con leggere differenze: più tondeggianti nella Robinia (foto a sinistra) e più allungate, specialmente verso il vertice, nella Gledizia (foto a destra).

Un esame più attento delle foglie svela, tuttavia, importanti peculiarità per la Gledizia: le foglioline non hanno picciolo (sono sessili), e manca la fogliolina terminale (foglia paripennata).
Come ormai d’abitudine costruiamo una tabella.

Specie Periodo fioritura Tratti caratteristici
Gledizia maggio– fiori giallognoli molto piccoli
su piccoli racemi
– frutti: lunghi baccelli contorti
– corteccia fessurata in lunghe scaglie
che si sollevano ai margini
– rami ascendenti, cima della chioma aperta
Robiniamaggio-giugno – fiori bianchi papilionacei su vistosi grappoli
– frutti: baccelli piatti
– corteccia rugosa nel senso longitudinale
– portamento slanciato ma poco raccolto
Soforagiugno-luglio– fiori biancoverdognoli su candelieri reclinati
– frutti: baccelli segmentati
– corteccia simile a quella della Robinia
– chioma tondeggiate

Gleditsia triachanthos

Boccioli e fiori appena schiusi all’inizio di maggio. Si distinguono le gialle antere.
Inconfondibili baccelli, molto lunghi e contorti. Approfittiamo di questa foto per fare un ripasso sulla morfologia della foglia.
Le placche verticali della corteccia si sollevano ai lati.
Le lunghe branche ascendenti salgono fino alla cima dandogli un aspetto scapigliato.

Robinia pseudoacacia

L’albero è inconfondibile durante la fioritura
Fiore di Robinia
I frutti sono grossi baccelli, un po’ anonimi per forma e colore.
Corteccia simile nel colore alle altre, ma con lunghe increspature che formano immaginarie “x”.
I palchi regolari degradanti verso la cima, gli conferiscono un aspetto slanciato.

Sophora japonica – Styphnolobium japonicum

Fiore variopinto in modo discreto, tanto da rischiare di passare inosservato, ma, in realtà, degno di contemplazione.
Curiosi baccelli. Impossibile confonderli.
La corteccia delle giovani piante è decisamente verde.
Nell’albero adulto, qui l’antica Sofora di Piazza Capitaniato, la corteccia è attraversata da sottili pieghe.
Portamento espanso con chioma arrotondata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.