Il Platano orientale di Curinga – un antico albero monumentale

Abbiamo già parlato di questa antica pianta classificatasi al secondo posto nell’edizione 2021 dell’European tree of the year. Unalberoalgiorno si è recato a Curinga (Catanzaro) ad ammirarla. Il paese sorge alle pendici delle Serre (così si chiama la parte di Appennino che attraversa la Calabria tra Sila e Aspromonte) con magnifica vista sulla piana di Sant’Eufemia e sull’omonimo golfo.

Per raggiungere il Platano basta seguire le accurate indicazioni che dal centro dell’abitato guidano verso la provinciale 91.

Dopo un paio di tornanti si giunge ad un piccolo parcheggio…
e da qui si scende per un comodo sentiero che, passando dapprima sotto alberi esotici (cipressi dell’Arizona e pini d’Aleppo) e poi fra pini larici (questi sì autoctoni, ma forse fuori posto a causa dell’altezza) conduce all’interno di un vallone.
Difficile commentare simili visioni, impossibile, poi, comunicare adeguatamente i sentimenti che suscitano.
Si è sopraffatti da un senso di ammirazione per le dimensioni, le immani cavità e, soprattutto, la netta percezione di vetustà che aleggia attorno a tronco, radici affioranti, branche possenti.
Ma poi ben presto prevale una sensazione di pace con se stessi e di armonia coll’ambiente circostante.
Che si tratti di Platano orientale ciascuno lo può vedere dalle foglie profondamente lobate, nonché arguire dalla sua veneranda età: lui di certo già esisteva prima della scoperta di Colombo.
Il vallone dove vive il Platano è attraversato da un corso d’acqua che più giù si getta nel torrente Turrina. Qui la vegetazione è di certo spontanea, vi prevalgono infatti ontani e salici.
Vicinissimo al sito si ergono i resti dell’Eremo di Sant’Elia, un convento basiliano (sec. IX) e poi carmelitano (sec. XVII).

Un ultimo sguardo al posto ci regala la vista di una formazione di canne (Arundo donax) e l’emozione dell’incontro con una splendente sughera. Quest’ultima coi suoi bravi caratteri tutti a posto.

Portamento espanso…
…foglie spinate…
e, finalmente, corteccia grigio biancastra e a suo modo soffice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.