Corniolo – Cornus mas

Cornus mas, nome volgare Corniolo, con l’accento indifferentemente sulla prima o sulla seconda ‘o’, è un albero non molto grande, quasi un arbusto, e dal fogliame leggero; la chioma irregolare gli dà un aspetto scarruffato. In città è molto raro, forse perché ritenuto poco ornamentale. Brevi filari si trovano in Via Cadorna a Città Giardino, in Via Marzolo, in Via Piave all’incrocio con Via Palestro.

Cornus Mas 1a Set18
Un breve filare di cornioli in Via Marzolo, sullo sfondo l’ormai ex Casa dello Studente Fusinato.

Alcuni caratteri ne facilitano l’identificazione come le foglie dalle caratteristiche venature secondarie che invece di irradiarsi dall’asse centrale si sforzano di seguire l’andamento del margine, o la corteccia squamata in piccole placche che quasi si attorcigliano.

Cornus mas fogllie

Ma il carattere che più colpisce è la fioritura precoce. L’albero fiorisce, prima di mettere le foglie, tra Febbraio e Marzo, coprendosi di numerosissimi fioretti gialli che spiccano sul bruno della corteccia.

Cornus mas 6 Mar18
Uno degli esemplari di Via Cadorna in una foto dei primi di Marzo.
Cornus mas 7 Mar18
Fiori piccoli raggruppati in mazzetti tondeggianti.
Quattro petali (uno ne ha tre ma è fuori ordinanza) e quattro stami alternati.
Si distinguono, con una certa fatica, i pistilli verdi e serpeggianti.

I frutti di un rosso vivace a maturità sono piccole drupe molto richieste in cucina e farmacologia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
I frutti dapprima gialloverdi si imbruniscono fino a diventare rosso vivo a maturazione
Primi di luglio

Questa specie ha un legame profondo colla città di Padova. L’Abate Giordano Forzatè (secoli XII e XIII) all’atto della fondazione del convento di San Benedetto, ne tracciò i confini con un bastone di legno di corniolo che poi abbandonò ben piantato nel terreno. Entro breve dal bastone si sviluppò un albero.

Il Forzatè col suo bastone nell’atto di piantarlo nel terreno (o forse di tracciare il perimetro del convento benedettino), un angelo offre al frate la Chiesa di San Benedetto. Il quadro è attribuito al Padovanino, e dovrebbe risalire alla prima metà del secolo XVII.

Oggi quell’albero fa bella mostra di sé nel giardino del Palazzo Capodilista al civico 72 di Corso Umberto. L’albero cambiò dimora dopo l’esproprio del convento ad opera dei francesi di Napoleone.

Cornus mas 13 Set18
Il corniolo di Forzatè che campeggia nel giardino di Palazzo Capodilista.
Cornus mas 10 Set18
Particolare del tronco. Il corniolo allo stato spontaneo tende ad assumere un portamento prostrato e in molti esemplari ha aspetto cespuglioso.
Cornus mas 12 Set18
Il fogliame piuttosto rado dà all’albero una certa leggerezza
Due esemplari di Cornus mas dell’Orto botanico di Padova prospicienti il recinto nei pressi dell’entrata. L’albero velato dal giallo dei fiori è il monumentale Platano orientale.
Ornus mas 1 Giu18
Un giovane Corniolo al Parco dei Cigni lungo via Goito

Il Corniolo cresce in Italia allo stato spontaneo in pianura e in ambiente collinare, è possibile trovarlo anche sui Colli Euganei.

Le piante di corniolo si protendono su questo sentiero formando una volta naturale macchiata di giallo. La foto è presa nel tratto dell’Alta Via del Colli che corre lungo il versante est del colle Baiamonte.
Due  vecchi cornioli sui Colli Euganei alla fine di febbraio.

2 pensieri su “Corniolo – Cornus mas

  1. Come son contenta che questo bellissimo sito sia ‘ripartito’ dopo le vacanze estive!
    Al mattino sempre guardo sperando di trovare un nuovo post, che leggo con grande piacere e il cui ricordo m’accompagna poi durante la giornata.
    Grazie a questo blog ho iniziato a conoscere gli alberi della città in cui vivo e a riconoscere gli esemplari delle foto.
    Grazie all’autore per il suo impegno con questo amato sito, è un dono bellissimo che ci fa.

I commenti sono chiusi.