Alnus cordata – Ontano napoletano

Albero noto all’estero come squisitamente italiano (lo testimoniano molti nomi volgari: Italienische Erle, Italian elder, Aulne de Corse), in realtà originario dell’Appennino meridionale, ma diffuso lungo tutta questa catena montuosa. In città è presente, che io sappia, con un solo esemplare (in vero si tratta di una coppia) lungo il Tronco Maestro presso Passeggiata Conciapelli; da dove sia arrivato è un mistero, visto che persino in Orto è assente.

Fenologia minima: ciclo vegetativo, periodo fioritura, fruttificazione
Areale di origine: la sola Italia meridionale
Novembre, lui è fra gli ultimi alberi, che ornano questo tratto di fiume, ad ingiallire e perdere le foglie.
Da diversa angolazione
Febbraio
Maggio
Il nome scientifico deriva invece dalla foglia a base cordata, che assieme al vertice appuntito consente di distinguerlo agevolmente dal cugino glutinosa.
La lamina è al tatto liscia, morbida, consistente ma non coriacea, pagina superiore verde intenso, leggermente più chiara l’inferiore; bordo finemente dentato, picciolo elegantemente allungato.
I frutti han la forma classica dell’ontano, ma sono alquanto più grandi del cugino nero. Permangono a lungo sulla pianta, fino alla formazioni dei coni dell’anno successivo.
Inizialmente (qui in giugno) sono verdi e compatti
E ancora prima (maggio) hanno questo aspetto.
La fioritura di ontani e noccioli ha dello spettacolare… e il Nostro contribuisce appieno. Sono gli amenti maschili i responsabili.
Le brattee protettive sembrano curiosi copricapi. E sotto un brulicare di antere.
Un paio di settimane prima
Più discreto, ma non meno attraente, il fiore femminile con gli stigmi rossi e vaporosi.
Giovane esemplare cittadino al Lido di Venezia.

Fa sempre piacere osservare gli alberi nel loro ambiente naturale: una brevissima rassegna della presenza del Nostro in Costiera amalfitana (Salerno).

Minori, sentiero della Valle dei Sambuchi
Il sentiero che da Maiori conduce ad Erchie
Scala, Valle delle Ferriere (un ambiente singolare del quale prima o poi dovremo occuparci).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.