Fraxinus angustifolia – Frassino meridionale

Il frassino meridionale, o minore, è fra le tre specie di frassino più comuni in città (Fraxinus excelsior, ornus e angustifolia appunto) quella con una più ampia diffusione; non saprei dire perché, forse a motivo della sua affascinante tenuta autunnale: le foglie assumono un bel colore bruno rossastro e alla fine dell’autunno virano verso il giallo intenso.

Un giovane esemplare in ottobre, ai Giardini delle Tamerici di Via Nazaret
Parco Europa
Gruppo di splendidi esemplari nel Parco del Busonera
Giardini alla Rotonda, sul Bastione della Gatta.

Il nome specifico deriva dalle foglie, molto più sottili rispetto al cugino excelsior (Frassino maggiore), al quale per altro somiglia moltissimo.

La foglia è composta imparipennata, il numero di foglioline varia da cinque fino a tredici, e la rachide, in certi esemplari, è fortemente segmentata: sembra che vada a zigzag.

Per distinguere fra le tre specie è opportuno controllare le gemme. La cosa talvolta non è agevole poiché i giardinieri tendono a tagliare, per ovvi motivi, i rami bassi delle piante lungo le strade, ma acquisita una certa familiarità, si riesce a distinguere forma e colore anche a distanza.

Da sinistra la gemma di Fraxinus angustifolia, excelsior, ornus
Gemma marrone chiaro leggermente dorata, rametto verde vellutato in primavera grigio d’inverno, minuscole lenticelle.
I frassini, tutti i frassini, sviluppano rametti che tendono ad orientarsi verso l’alto
…l’effetto è caratteristico, come in questo filare fiorito a Pontecorvo
Il frutto è una sottile samara dal lungo peduncolo
Frutti in formazione
I fiori spuntano in febbraio a volte addirittura in gennaio. Le antere rosso violacee fanno capolino dalle gemme appena dischiuse.
Quando infine si distendono, si scopre che i fiori non hanno petali, solo allora si capisce il motivo di quelle strane formazioni sull’apice di rami e rametti.
La corteccia grigiastra si fessura in piccole placche orientate longitudinalmente al fusto.

Dove sono

Del Giardino alla Rotonda già si è detto. Vi abitano due magnifici esemplari,…
…quello sul lato nord del Bastione visto dall’interno del Giardino.
Un breve filare di giovani esemplari al Giardino Margherita Hack
Piazzale San Giovanni, un individuo isolato al centro di una grande aiuola verso la Porta
Giardino Margherita, un giardinetto seminascosto fra le case del Portello
Giovani frassini sono costantemente piantati dal Comune, qui al Parco Perlasca…
…dall’altro lato del fiume al Parco dei Cigni
La parte sud del Giardino Perlasca ospita imponenti Fraxinus angustifolia
Via Matteotti, in fondo pini domestici alle Porte Contarine
Pontecorvo, il primo tratto di Via Manzoni
Maestosi aungustifolia nel Parco del Busonera
Tempio della Pace in Via Tommaseo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.