Magnolia x soulangeana

Ai primi di Marzo, a volte ancora prima, la città si colora di bianco e rosa, in un tripudio di fiori che paiono spuntare improvvisi da rami nerastri e lucidi: è un anticipo di primavera offerto dalla Magnolia di Soulange.

I fiori, protagonisti di questo spettacolo, hanno grandi petali raccolti a forma di calice; bianchissimi all’interno e sfumati di rosafucsia fuori.

La pianta è un ibrido fra Magnolia liliiflora e Magnolia denudata, e prende i colori dai genitori: rossofucsia il primo, bianco candido il secondo. Ma le percentuali di colore assunte dai singoli individui sono alquanto varie, così ogni esemplare ha proprie peculiarità cromatiche.

Giovane soulangeana, molto colorata, in Via Monte Grappa
Questo esemplare, che abita nel cortiletto della Specola, ha fiori decisamente bianchi
Qui da diversa prospettiva.
I rami giovani sono lisci e grigi, quasi neri; poi la corteccia si increspa leggermente. Via Piave.
Anche l’interno del fiore è spettacolare: stami, antere, pistilli e abbondanza di polline.
Le gemme da fiore compaiono all’inizio dell’inverno sulla punta dei rametti; sono ricoperte di una peluria grigia e vellutata al tatto.
Frutto in aprile
Ma la pianta è sterile, così tutti gli sforzi fatti hanno un misero epilogo.
Mai dire ‘mai’! vi rimando a questo aggiornamento sulla questione.
Foglia ovata, più ampia verso la punta e con apice acuminato.
Non è raro trovare fiori anche quando le foglie sono spuntate da un pezzo; qui in giugno.

Come si è detto la pianta si trova un po’ dappertutto; ma non perdetevi una puntata in Via Acquette, e nella vicina Via del Seminario, dove vivono due splendidi esemplari la cui vista, proprio in questi giorni, lascia incantati.

Via del Seminario, dirimpetto alla Chiesa del Torresino
Lo scorso Maggio
Via Acquette, incrocio Via Cerato
In luglio. A destra uno dei Cercis siliquastrum di Via Acquette.
In città la si trova quasi esclusivamente nei giardini privati.
Via Milazzo, verso Piazzale San Giovanni…
…a soli due anni di distanza, quanto è cresciuta!
Un giardinetto in fondo a Via Palestro. A volte la pianta ha forma di arbusto, spesso di alberello, ma talvolta di un vero albero alto fino a 10 metri.
Via Configliacchi
Passeggiata Miolato, presso il nuovo parcheggio. Una cultivar ostica da identificare.
Splendido esemplare all’Orto Botanico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.