Ricerca per fiore – Fiori in amenti

Il post contiene una raccolta di alberi con fiori raggruppati in amenti, di solito si tratta di infiorescenze maschili pendule dal colore giallognolo, anche se naturalmente non mancano le eccezioni. In molti casi pure l’infiorescenza femminile ha caratteri simili, però quasi sempre meno appariscente nelle dimensioni e nel colore. Ad ogni modo tutte le piante descritte nel post appaiono da lontano punteggiate da brevi e sottili segmenti verticali o ricoperte da delicati merletti traforati, particolarmente quelle che fioriscono prima di mettere le foglie.
Le specie sono ordinate secondo il periodo di fioritura, riferito alla città di Padova: 45.5° di latitudine nord, 21m slm.

periodo fiorituraspecie
fra gennaio e febbraioAlnus glutinosa
fra gennaio e marzo Corilus avellana, C. colurna, Genere Populus, Taxodium disticum
(per tutti: prima di mettere le foglie)
fra marzo e aprile Carpinus betulus, Ostria carpinifolia, Acer negundo
(per le tre specie: prima di mettere le foglie);
Betula pendula, Genere Salix
(per entrambi: al mettere delle foglie)
aprileGenere Quercus, Genere Morus,
Ginkgo biloba, Juglans regia, Picea abies;
Broussonetia papyrifera (al mettere delle foglie)
fra aprile e maggioTamarix gallica
maggioGleditsia triacanthos
ottobre e novembreGenere Cedrus

Alnus glutinosa, Ontano nero. L’albero appare, sin da gennaio, rosso-violaceo a causa degli amenti maschili immaturi, poi questi cambiano colore e si accende di giallo.
Fioritura: fra gennaio e febbraio, prima di mettere le foglie.

Corylus avellana, Nocciolo. Fioritura spettacolare per i vistosi amenti maschili. L’albero appare da lontano punteggiato da sottili e brevi pennellate di giallo intenso. Simile il comportamento del cugino Corilus colurna (Nocciolo di Costantinopoli), ad eccezione del portamento: arbustivo il primo, arboreo il secondo.
Fioritura fra gennaio e marzo prima di mettere le foglie.

Genere Populus. Tutti i pioppi fioriscono allo stesso modo: amenti maschili pelosetti, rossi o gialli, i rami nudi dell’albero hanno un colore aranciato; gli amenti femminili, molto diversi, danno invece ai rami un colore verdino. Albero dioico.
Fioritura fra febbraio e marzo prima di mettere le foglie.

Taxodium distichum. Infiorescenze maschili in lunghi amenti verde scuro, spesso mascherati dal fogliame rossiccio che permane a lungo sulla pianta.
Fioritura in marzo o già alla fine di febbraio.

Carpinus betulus, Carpino bianco. I lunghi amenti gialli, macchiati di rosso in cima alle brattee, colorano intensamente l’albero.
Fioritura fra marzo e aprile, prima di mettere le foglie.

Ostria carpinifolia, Carpino nero. Fioritura simile a quella del cugino Carpinus betulus.
Fioritura: fra marzo e aprile prima di mettere le foglie

Betula pendula. Infiorescenze maschili e femminili colorano l’albero di giallo al comparire delle prime tenere foglie.
Fioritura fra marzo e aprile.

Genere salix. Tutti i salici fioriscono allo stesso modo: l’amento maschile è giallissimo e tinge di questo colore l’albero nonostante contemporaneamente compaiano le foglie; gli amenti femminili sono invece verdi e la pianta ha colore diverso. Albero dioico.
Fioritura fra marzo e aprile

Acer negundo. Gli amenti maschili appaiono come piumini pendenti di colore giallo o rosso a seconda del colore delle antere. Albero dioico, la fioritura delle femmine è dimessa e spesso gli amenti si confondono fra i frutti secchi.
Fioritura: aprile o fine marzo, prima di mettere le foglie.

Genere Quercus. Tutti gli amenti maschili delle querce si somigliano: piumini penduli giallo verdastri. Ma bisogna distinguere tra specie caducifoglie e sempreverdi, con ovvie conseguenze sull’aspetto e il colore dell’albero alla fioritura.
Fioritura: attorno al mese di aprile.

Genere Morus. Entrambe le specie, alba e nigra, portano amenti maschili gialli cilindrici. L’albero appare da lontano vestito di delicati merletti traforati.
Fioritura: aprile.

Broussonetia papyrifera. Infiorescenze in amenti dapprima grigio verde e poi gialli. Albero dioico, non conosco femmine in città.
Fioritura: aprile al mettere delle foglie.

Ginkgo biloba. Fioretti in amenti gialli al mettere di tenere foglie; l’albero appare da lontano con i rami appena coperti da una peluria giallina. Albero dioico, la fioritura delle femmine è criptica.
Fioritura: aprile.

Juglans regia. Infiorescenze maschili in lunghi amenti verdognoli punteggiati da brattee nerastre. Il colore degli amenti si mescola, da lontano, col bronzo delle giovani foglie.
Fioritura: aprile.

Picea abies, Abete rosso. Coni maschili cilindrici e affusolati dal colore aranciato; le diverse orientazioni delle infiorescenze danno al ramo un aspetto scompigliato. Da lontano la fioritura non si avverte se non per un diffuso pallore sui rami scuri.
Fioritura: aprile.

Tamarix gallica. La tamerice fiorisce fra aprile e maggio con una messe di fioretti dal rosa al bianco, tutti assiepati sui rametti.
Spesso c’è una coda settembrina nella fioritura.

Gleditsia triacanthos. Amenti maschili gialli frammisti alle foglie; il fenomeno è inizialmente discreto, ma poi improvvisamente i marciapiede si riempiono di amenti e polline. (Albero dioico)
Fioritura: maggio dopo la comparsa delle foglie.

Genere Cedrus. Coni maschili cilindrici e affusolati, prima verdi poi marrone, tutti disposti verticalmente all’insù. Osservando per terra si scoprono macchie di polline giallissimo.
Fioritura: ottobre e novembre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.